top of page

TAV, De Menech: “Zaia certifica il suo fallimento”

In 10 anni dai governi di centrodestra e Lega 0 euro per la Tav. In 20 anni di dominio in Veneto, cdx e Lega incapaci di decidere un percorso. “L’esecutivo Renzi le opere le programma, le finanzia e le realizza” 19 settembre 2014 “Sulla Tav il presidente del Veneto Zaia oggi ha certificato l’inefficace e fallimentare azione dei governi di centrodestra che per 10 anni hanno guidato il Paese e da 20 anni annichiliscono le aspettative di modernizzazione delle imprese e dei cittadini del Veneto”. Il segretario regionale del Partito democratico, Roger De Menech, è “incredulo alle parole di Zaia”. Il presidente ha rilevato che la Tav tra Brescia e Verona al momento è finanziata con 90 milioni di euro su oltre 5 miliardi necessari. “Quei fondi sono stati messi dal governo Renzi e sono propedeutici all’avvio dei lavori. Noi le infrastrutture le programmiamo, le finanziamo e le realizziamo”. Al contrario, prosegue il segretario, “dal 2001 al 2011, i governi a guida centrodestra e Lega non hanno portato in Veneto un euro per la Tav. Dal canto suo, Zaia si è lambiccato per anni su improbabili percorsi collinari, sotterranei e persino balneari, senza prendere una decisione. La piena responsabilità dei ritardi sulla costruzione dell’infrastruttura sono tutti suoi e dei suoi alleati”. Se il governo si misura sulla concretezza delle azioni, conclude De Menech, “Zaia ha fallito. L’attuale governatore è stato vice presidente della Regione, ministro e poi presidente della Regione. Peccato che sulla sua casella dei risultati concreti campeggi un imbarazzante “non pervenuto”.

Commentaires


bottom of page