Doppia preferenza di genere, Camera approva legge. A quando in Veneto?

La Camera dei deputati ha approvato la legge, già passato in Senato, su “Modifica all’articolo 4 della legge 2 luglio 2004, n. 165, recante disposizioni volte a garantire l’equilibrio nella rappresentanza tra donne e uomini nei consigli regionali”. Questo importante risultato pone nuovamente il tema della doppia preferenza alle elezioni per il Consiglio Regionale del Veneto, e come Donne Democratiche facciamo appello ad una assunzione di responsabilità da parte del Consiglio Regionale, per riaprire la discussione su questo tema, perché non si tratta di quote rosa, o di una riserva di panda da proteggere, ma di aprire le nostre istituzioni e rappresentare punti di vista diversi, di donne e di uomini, per governare una società complessa e plurale. Quest’anno ricorre il 70° anniversario del voto alle donne e dal lontano 10 marzo 1946, dalle prime 21 donne in parlamento, la strada percorsa si è arricchita di molte conquiste, dal divorzio, all’aborto, al diritto di famiglia, alla legge sulla violenza e ai diritti delle lavoratrici. Tuttavia i temi che riguardano i diritti delle donne, dal lavoro al welfare, o a quelli sulla violenza che quotidianamente occupa le pagine dei giornali, sono ancora molto lontani dell’essere affermati completamente e c’è una correlazione molto stretta fra la possibilità di sviluppo e il gap di genere che caratterizza il nostro paese e l’obiettivo della democrazia paritaria è ancora lontano da raggiungere. Un paese più moderno e civile si caratterizza dal raggiungimento di questi obiettivi e con questa legge stiamo percorrendo la strada giusta, ora sta alla Regione Veneto percorrerla, dato lo strumento che è stato fornito, per sanare gli errori commessi nell’approvazione della legge elettorale veneta, e le Democratiche Venete saranno in prima fila perché non si perda l’occasione di giungere anche nella nostra Regione ad una piena democrazia paritaria. Raffaela Salmaso Portavoce Regionale Donne Democratiche Venete Vicesegretaria PD Veneto

#Donne #parità #voto #doppiapreferenzadigenere #rappresentanza